Artisti    Mostre    Focus    News    Contatti   Info


Magasin
Marion Baruch





Video di Noah Stoltz
Mostra retrospettiva“Mouvement perpétuel, essayer dire”

Mouvement perpétuel, essayer dire è la seconda tappa di un ciclo di mostre retrospettive dedicate al lavoro di Marion Baruch. L'attuale contesto sanitario, che impone vincoli di diversa natura, ha portato il curatore della mostra Noah Stolz, a ripensare radicalmente il progetto concentrando il suo approccio attorno ad alcuni aspetti del lavoro dell'artista che non erano mai stati presentati da questa prospettiva.

La mostra è costruita da due assi: Il primo riguarda la
visione artistica di Marion Baruch con riguardo alla sua biografia; il secondo asse si dispiega attorno al linguaggio delle forme, sviluppato dall'artista negli ultimi anni, utilizzando ritagli di tessuto della produzione prêt-à-porter. La prima sala del Magasin si apre con  una raccolta di documenti e oggetti scelti attraverso scritti e alcuni resti, che attestano il suo lavoro sull'arte relazionale. Queste testimonianze inedite raccontano, nel loro insieme, l'abbondante viaggio dell'artista, evidenziando le diverse fasi della sua creazione nonché i suoi fondamenti teorici. Il titolo evoca per l'artista la produzione incessante della Natura che è tutto ciò che è prodotto dall'uomo. solo una metonimia. "La produzione", dice Marion Baruch, "è qualcosa che non possiamo né fermare né controllare, ma che possiamo descrivere, conoscere riflettendovi dentro". Questa prospettiva, che consiste nel collegare il naturale con ciò che manca nel naturale, è uno stato d'animo che l'artista ci chiede di accettare, rinunciando per un attimo alle nostre conquiste culturali con la volontà di posare uno sguardo di meraviglia su frammenti di tessuto sospesi nell'aria "La stoffa è la prima forma di scrittura" e quindi contiene già tutte le forme. La frase "Essayer dire", presa in prestito dall'artista dal filosofo Georges Didi Huberman, parla quindi di uno stato d'animo di fronte all'espressione o alla vita, il che significa che scrivere è sempre riscrivere, fermarsi, continuare, riconoscere, vedere la differenza, identificarsi, scrivere e così via.

La mostra aprirà il 29 ottobre e sarà visitabile fino al 10 dicembre. A causa delle recenti restrizioni, la mostra aprirà questa sera ma subirà variazioni per le date di chiusura.
 





    Via Leopardi 32, 20123 Milano    +39 02 36725378    info@viasaterna.com    Facebook    Instagram   
Via Leopardi 32 Milano   ︎   ︎   ︎   ︎